La risposta

nella tecnologia

BUTYROSE® LSC® Microcaps

Alimento dietetico destinato a fini medici speciali a base di butirrato di sodio LSC® Microcaps brevetto EU n.2352386 per il rilascio lento nel colon/retto.
Per la dieta alimentare di persone affette da colonpatie con alterato trofismo della mucosa intestinale.
Ingredienti: Butirrato di sodio microincapsulato (olio di palma idrogenato certificato e sostenibile*, butirrato di sodio, agente di carica: E 516, aromi, agente di rivestimento: E 477), capsula vegetale (agente di rivestimento: E 464, colorante E 171**). Senza glutine, lattosio, zuccheri, lieviti e conservanti.
Modalità d’uso: 2-3 capsule al giorno vicino ai pasti, in caso di difficoltà di deglutizione è possibile aprire la capsula ed assumerne il contenuto disperdendolo in bevande o alimenti semisolidi.
Non ci sono limiti temporali alla somministrazione. Confezione 30 o 15 capsule a lento rilascio da 600 mg contenenti 500 mg di butirrato di sodio microincapsulato.

  * RSPO Licenza n. 9-1708-16-100-00

** il colorante è presente esclusivamente nell’opercolo esterno

icon-lsc-2_Tavola disegno 1

Tecnologia

Per espletare al meglio le sue funzioni -tra cui favorire la salute metabolica con effetto eutrofico della mucosa del colon e bioregolare la flora intestinale- (vedi articoli scientifici), è preferibile che l’acido butirrico si trovi nella forma legata al sodio per la sua elevata lipofilicità e capacità di scambio cellulare.
Il butirrato di sodio è una molecola molto attiva ma con un elevato grado di dissociazione (pKa 4,82), che in mancanza di un’adeguata protezione non raggiungerebbe l’intestino, in particolare il colon/retto.
Per questo Butyrose® contiene Butirrato di sodio LSC® microcaps: grazie alla sua formula brevettata (EU n.2352386), il sodio butirrato viene inglobato all’interno di una microcapsula lipofilica con tecnologia LSC® -Lipophilic Spray Cooling- ad effetto barriera, che garantisce stabilità al legame sodio-butirrato, un’ampia superfice attiva ed un’estesa capacità di diffusione nell’intestino soprattutto a livello del colon, dove la concentrazione batterica è maggiore.

Microbiota

Diarrea, dolori addominali e malessere generale – le persone che presentano questi sintomi possono essere in una condizione in cui  è in atto un’infiammazione intestinale e la flora è alterata.
L’intestino infatti, è colonizzato da una ricca popolazione di batteri che costituiscono la cosiddetta “flora intestinale” o “microbiota”. Le alterazioni del microbiota sono: Eubiosi e Disbiosi.
La prima è la condizione fisiologica caratterizzata da un corretto equilibrio tra le specie batteriche che naturalmente colonizzano l’intestino. La seconda invece, si riferisce ad una condizione di alterato equilibrio tra le specie batteriche che normalmente colonizzano l’intestino.
icon_intestino